Pausa tecnica

26 02 2009

Pausa. Scusate l’assenza degli ultimi giorni. Ho approfittato delle recenti rotolate verso sud (domani un’altra) per resettare la testa con una formattazione a basso livello 🙂

Ritornerò presto. Non vi allontanate troppo!

Antonio





Di nuovo a Sud

21 02 2009

[questo post l’ho scritto ascoltando, e dopo aver ascoltato, VICTOR JARA’S HANDS dei Calexico]

bn-bari-vecchia1

Sono di nuovo rotolato a sud. Anche questa volta continua la sensazione surreale di essere stato catapultato ad Honnisvag (paesino a pochi chilometri da Capo Nord, in Norvegia). Freddo polare, città, come si suol dire, stretta nella morsa del gelo e circondata da distese di ulivi innevati. Mare agitato e bellissimo, nuvole grigie e grasse, vento forte che le fa correre.

Ieri, come di consueto, mi sono riappropriato dei miei posti camminando tanto (e non è che sia una cosa che mi faccia impazzire, con questo freddo) e perdendo tempo parlando con negozianti che credevo persi nei ricordi della mia infanzia. Bello.

Dimenticavo quanto fosse facile incontrare conoscenti per caso qui. Basta passeggiare in centro e ne saluti uno. Pochi metri e senti un’altra voce “Hey! e tu che ci fai qui? Non ti si vede da 15 anni. Non sei cambiato affatto!”. e cosi’ via….

Ieri sera credevo di essere capitato in un episodio di Ai Confini della Realtà. E’ stato magnifico rivedere  tanti vecchi, vecchissimi, amici tutti insieme in occasione di una presentazione del lavoro artistico di un comune amico di infanzia. Chiacchere, aggiornamenti, pettegolezzi, che fai lì, e tu invece, sai chi se ne è andato, ah mi sono sposato, no non stiamo piu’ insieme. Impressionante come a volte il tempo sembra cancellare le distanze in una frazione di secondo. Sembrava che non me ne fossi mai andato.

Un po’ di nuvole, pero’, le mie solite nuvole, mi hanno raggiunto e per scrollarmele di dosso ho fatto quello che probabilmente non ho mai fatto a Bari in tutta la mia vita. Ho preso la macchina, tardi, piuttosto tardi, e ho fatto un giro lento per il lungomare sino alla fine della città. Chilometri e chilometri lungo il mare, dove da ragazzino correvo durante gli allenamenti di canoa (ci andavo la mattina presto, infatti oggi la mia cervicale ringrazia….).

Stamattina il mare è calmo. E le nuvole sono quasi del tutto sparite.

A





(our) Travel Songs: ORISHAS e Nelly Furtado

19 02 2009

Gli orishas sono semidivinità della mitologia africana. Col tempo sono stati “adottati” in America, soprattutto – per evidenti ragioni – dalla santeria cubana e condonblè brasiliano e haitiano. Sono espressione del sincretismo religioso latinoamericano che non smette di affascinarmi. Ricordo quante manifestazioni incredibili di questo sincretismo osservai in Messico, Guatemala e Perù… Per un approfondimento, ovviamente, vi rimando a Wikipedia.

Qui vi propongo, nella mia nuova veste di DJ 🙂 un video degli omonimi Orishas. Una band cubana che adotta un simile sincretismo…musicale. Fonde hip hop a sonorità cubane. Il risultato è magnifico, secondo me.

In questo video, tra l’altro, la fotografia è splendida e le nuvole sono molto….mie 🙂

Bun divertimento,

A

E ora tocca alla gatta! Che zitta zitta, in questi giorni, ha osservato l’andazzo ed ora suggerisce questo video carino. Una canzone che riscosse molto successo anni fa (2001) e che ha  un video molto colorato. E’ Nelly Furtado con Turn off the light. Lei, se non sbaglio, ha origini indiane e si vedono. La canzone è molto bella. Buon divertimento:





Buon compleanno Mr Darwin: può tornare a dare un’occhiata?

18 02 2009

[Per questi auguri patagoni ascoltate: MADRE PATAGONIA dei Tranquera]

Buon compleanno Mr Darwin! Coraggio, soffi sulle candeline, sono 200. Lo so, sono tante, ma così avrà tempo di riflettere su come stanno andando le cose. Non benissimo, vero?

Certo, l’evoluzione prosegue. Quella è inesorabile. Il problema è che i più forti sopravvivono, ma non sempre quelli di noi che restano sono i migliori.  Mr Darwin, non è che si farebbe un’altra passeggiata per capire dove stiamo andando? In che direzione stiamo evolvendo?

Belli i tempi del Beagle, vero? Quando con il capitano Fitzory attraverò quel canale…in Patagonia… Chissà cosa le frullava in testa, Mr Darwin. Si sarà guardato intorno più eccitato all’idea delle specie che avrebbe scoperto o più intrigato dal sapere di essere sfiorato dal fantasma di Magellano…che quei luoghi scoprì?

800px-voyage_of_the_beagle

Ma lo sa che ancora si parla del suo libro? Sì, lo so, lo so, non è che riscosse tanto successo allora…ma per fortuna oggi le cose sono cambiate. Oggi si legge di tutto. Si figuri, persino Alberoni e Moccia! già…non lo dica a me…

E lo sa che quello che ha fatto oggi, almeno nel nostro paesello, non sarebbe più possibile? Fare ricerca scientifica biologica affiancando altri ricercatori cartografi???? A spese dello Stato? Non sia mai! Ma si sa, la specie si evolve….

Ad ogni modo, tanti auguri, Mr Darwin.

Le regalo una foto di un posto a lei tanto caro. Nel bel mezzo di quel canale – che oggi chiamiamo di Beagle – che attraversò con Fitzory. Non so quanto le importi, ma sappia che – nonostante il mal di mare di quel giorno, il vento forte e le onde alte….è stato bello immaginarla laggù.

scoglio

 

Credo di non essere riuscito a convincerla a rifarsi un giretto da queste parti. Non importa, la capisco. Dovunque sia, si starà divertendo un mondo.

Un suo fan,

Antonio





(your) Travel songs: Crystal Frontier

17 02 2009

Bravi, bravi, continuate così. Mi state segnalando delle vere chicche.

Questa volta tocca a Fiordi ed al suo consiglio per un viaggio solitario. Si tratta del video dei Calexico “Crystal Frontier”. Non serve guardare il video e la sua fantastica fotografia (che luce! che dinamica di colori!). Quella tromba evoca ovviamente il centro America e/o le lunghe, sterminate, autostrade polverose della Baja California. Sì, è adatta ad un viaggio in solitaria oppure ad una vera e propria fuga da una situazione complicata 🙂

Insomma, buon viaggio:

E visto che siamo, più o meno (insomma), da quelle parti, ho ripescato una vecchia fotografia che scattai a Machu Pichu diversi anni fa.

machupichu





Concorso: raccontare l’idea di viaggio

16 02 2009

[Per questo freddo pomeriggio, consiglio l’ascolto – per viaggiare con la fantasia – di A LONG ROAD TO TRAVEL di Vincent Varvel]

Non un semplice racconto di viaggio. Non una foto. No appunti e impressioni delle vacanze. Ma raccontare L’IDEA di viaggio! mamma mia…è l’equivalente della famigerata domanda da un milione di dollari (valore, peraltro, ben superato con l’euro…).

Vi segnalo un divertente concorso che consiste nell’inviare una frase  che cominci con “Il viaggio è….”

Ve lo dico subito. Non sarà facile. Semplificare in pochissime parole l’idea di viaggio è più o meno come riassumere Guerra e Pace dicendo che parla della Russia (grande Woody Allen…).

vi invito a partecipare, perchè può essere una divertente occasione di confrontarsi col tema che tanto ci appassiona.

Bene, buon lavoro!

Antonio

ritratto-a-striscie





i tempi (pugliesi) cambiano

13 02 2009

[per questo post consiglio l’ascolto di: TRAVELLER]

Sono nella mia Bari per sbrigare un po’ di cose.

Strana atmosfera. Ieri sera, per rilassarmi, ho fatto una passeggiata nei luoghi, per così dire, topici della città. Il mio lungomare, la mia città vecchia, la mia muraglia. Come vedete, l’aggettivo possessivo non è un caso. Camminavo e, stranamente, forse anche perchè avevo con me la fida macchina fotografica, mi sentivo uno straniero nella mia stessa città.

E’ vero, manco da tantissimo anni in pianta stabile e ormai i miei legami si sono sfilacciati (e lo sarebbero del tutto se non fosse per il trullo che abbiamo comprato recentemente). Ad ogni modo, è sempre emozionante tornare nei propri luoghi.

Nonostante la sensazione iniziale, ho ricominciato, piano piano, a riassaporarne i ritmi e i riti.

 


bari-0894
Stamattina, poi, per rilassarmi ed ingannare il tempo in attesa di una risposta…sono andato in campagna. A vedere il trullo…

Beh…non ci crederete, ma mi sono ritrovato nel bel mezzo della prima nevicata dell’anno in Valle d’Itria. E per nevicata intendo una VERA nevicata. Al termine della quale tutti i trulli erano imbiancati. Un paesaggio surreale.

Insomma, tra ieri sera e stamattina ho trovate due Puglie diverse. 

Entrambe, a loro modo, fredde. Ma le amo.

Antonio

trullineve-1030

nevicatatrulli-0961trullineve-1027trullineve-1051