ATTESA (interludio)

4 11 2008

[PER AMMAZZARE IL TEMPO, NELL’ATTESA, ASCOLTATE: CHANGE THE WORLD di Eric Clapton]

Dobbiamo pur fare qualcosa nell’attesa, no? In realtà gran parte della nostra vita è spesa in attese. Si attende il ritorno di un caro; si attende l’esito di un esame clinico; si attende il fine settimana, una vacanza; si attende un lavoro; si attende il risultato di un’elezione; si attende che l’economia vada meglio, etc.

Si attende sempre. O meglio, si “tende” verso altro.

Ma bando alla filosofia spicciola.

Essendo un blog di viaggi e fotografie, mi domandavo quali scatti, passati (in attesa di nuovi, imminenti, viaggi) potessero rendere l’idea dell’attesa. Vediamo…

Eccone uno. Finnmark norvegese, molto molto al Nord, e molto molto freddo, poco più di un anno fa:

Cassetta postale

Cassetta postale

 Non so, mi fa immaginare qualcuno chiuso in una casetta, anch’essa isolata, che attende una lettera da qualche parente lontano, emigrato in terre più calde.

E magari questo qualcuno abita qui:

Finnmark

Finnmark

Un altro scatto che mi trasmette un’idea di attesa è questo:
Fortuna (tempio a Cheng Du, Cina)

Fortuna (tempio a Cheng Du, Cina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ stata scattata in un tempio di Cheng Du, nel Sichuan (Cina).

C’erano, tra mille altre meraviglie, tre grandissimi ideogrammi, uno indicante la fortuna, uno ricchezza ed un altro salute. Il rito, se così si può chiamare, consisteva nel effettuare alcuni passi a distanza, chiudere gli occhi ed avvicinarsi agli ideogrammi (alla cieca) cercando di toccarne uno.

Vidi la scena con la coda dell’occhio e scattai al volo nel momento in cui un’anziana donna toccò questo… Chissà…forse sta ancora attendendo che si avveri.

Chiedo lumi a Paese Cina; credo significhi “Fortuna” (ma correggimi, per piacere). Se è così…

attendiamocela tutti stanotte

🙂

Antonio

Annunci




Mercoledì potremmo svegliarci in un episodio di Twilight Zone

31 10 2008

[QUESTO POST SI LEGGE, RIFLETTENDO, ASCOLTANDO: MAD WORLD di Michael Andrews]

Certo,  è strano. Il mondo, teoricamente, potrebbe cambiare nel giro di poche ore.

Mercoledì mattina, quando si conosceranno gli esiti delle elezioni presidenziali USA, l’Occidente stesso (o almeno quello che noi definiamo tale) potrebbe avere una faccia del tutto nuova agli occhi del resto del mondo. Basterebbe qualche ora di seggi aperti, un risultato favorevole per uno dei due candidati, qualche dichiarazione di rito e, d’un tratto, un Paese sino ad oggi (per colpa di alcune scellerate scelte politiche) disallineato nei fatti dai grandi principi democratici che lo sottendono, ritorna alla casella iniziale.

Inquietante come movimenti terroristici partecipino al dibattito politico proponendo endorsement più o meno chiari e diretti. Ma altresì inquietante pensare come basti il risultato di un’elezione per cambiare il mondo.

Perchè credo che lo cambierà. In un senso o nell’altro. E potremmo ritrovarci a vivere in un episodio di Twilight Zone (Ai confini della realtà), dove bastava attraversare una porta per ritrovarsi in un mondo al contrario.

Ne vedremo delle belle. E ovviamente ne parleremo qui, anche se non si tratta propriamente di viaggi. Anzi, no. Si tratta anche di questo, perchè da tempo ormai, abbiamo modificato il nostro modo di viaggiare in base alla sicurezza.

Vedremo. Intanto restiamo a guardare…

Antonio

Abitanti dell'isola Taquile

Isola Taquile (Perù)