High in the Highlands #2

16 08 2010

Inverness – lago di lochness

Prima giornata grigia; turisti affacciati dai resti di antichi castelli per avvistare la visione di un mostro immaginario. Non e’ vero ma ci credo. Chissà

Suonatori di cornamusa colorano il cielo grigio
Mentre la navigatrice Silvia (Tom Tom) continua a non imbroccare una pronuncia giusta

Annunci




High in the Highlands #1

14 08 2010

Primo giorno nelle highlands

Devo iscrivere Silvia (la voce guida del mio tom tom) ad un corso di inglese. La sua pronuncia delle strade di Aberdeen e dintorni sono letteralmente fuorvianti…

—–

Giornata passata al Castello di Dunnottar (dove, incidentalmente, Zeffirelli giro’ Amleto nel 90) e lungo la costa a sud di Aberdeen.

Se passate da queste parti fermatevi a Catterline. E’ un minuscolo assembramento di case tradizionali ( in maggior parte pescatori) con una straordinaria taverna, il Creel Inn http://www.thecreelinn.co.uk/

Assaggiate la zuppa di granchi appena pescati (il porticciolo e’ a pochi passi)

Vorrete ritornare

A





E improvvisamente sono le Highlands

12 08 2010

E improvvisamente la strada ricomincia a muoversi sotto i tuoi piedi e ti accorgi che domani sarai nelle Highlands scozzesi…

Viaggio programmato ma non preparato. Meglio così… In borsa quel che basta: jeans, giacca a vento, ombrello, ipod, macchina fotografica (e tanti obiettivi), tanti luoghi comuni.

O meglio, luoghi NON comuni ma visti ed immaginati centinaia di volte.

Suggestioni già provate e che non vedo l’ora di sperimentare con i miei occhi: dai castelli su ripide scogliere, a ruderi di antichi monasteri, dal verde dei prati dell’isola di Skye al sudore nei pub quando fuori piove. Dalle tracce dei vichinghi al salmone di Aberdeen.

Vedremo. Vedrete

Antonio

 

E non poteva mancare un po’ di musica a tema. Il titolo è “Traveller” (!!!) ed è suonata da Shaun Lochalsh