Mercoledì potremmo svegliarci in un episodio di Twilight Zone

31 10 2008

[QUESTO POST SI LEGGE, RIFLETTENDO, ASCOLTANDO: MAD WORLD di Michael Andrews]

Certo,  è strano. Il mondo, teoricamente, potrebbe cambiare nel giro di poche ore.

Mercoledì mattina, quando si conosceranno gli esiti delle elezioni presidenziali USA, l’Occidente stesso (o almeno quello che noi definiamo tale) potrebbe avere una faccia del tutto nuova agli occhi del resto del mondo. Basterebbe qualche ora di seggi aperti, un risultato favorevole per uno dei due candidati, qualche dichiarazione di rito e, d’un tratto, un Paese sino ad oggi (per colpa di alcune scellerate scelte politiche) disallineato nei fatti dai grandi principi democratici che lo sottendono, ritorna alla casella iniziale.

Inquietante come movimenti terroristici partecipino al dibattito politico proponendo endorsement più o meno chiari e diretti. Ma altresì inquietante pensare come basti il risultato di un’elezione per cambiare il mondo.

Perchè credo che lo cambierà. In un senso o nell’altro. E potremmo ritrovarci a vivere in un episodio di Twilight Zone (Ai confini della realtà), dove bastava attraversare una porta per ritrovarsi in un mondo al contrario.

Ne vedremo delle belle. E ovviamente ne parleremo qui, anche se non si tratta propriamente di viaggi. Anzi, no. Si tratta anche di questo, perchè da tempo ormai, abbiamo modificato il nostro modo di viaggiare in base alla sicurezza.

Vedremo. Intanto restiamo a guardare…

Antonio

Abitanti dell'isola Taquile

Isola Taquile (Perù)

Annunci