Prinias

29 09 2009

Non credo nella magia, ma credo nella magia di alcuni luoghi.

Non credo nella magia dei viaggi, ma credo nei viaggi nei quali si avverte magia.

Anni fa ho vissuto a Creta. Alcuni di voi mi seguono sin da quei tempi. I tempi dello sperduto villaggio di Petrokefalo, per intenderci. Poche case per ancor meno anime (55, in diminuzione) ed una collocazione non certamente…centrale nell’isola…

Ma era il mio villagio e ci stavo benissimo.

Scoprii un luogo magico un giorno. Alla base di una collina isolata (che sovrastava una vallata di olivi magnifici) c’era un unico albero con, ai suoi piedi, una sedia di paglia. Giuro, una sola sedia appoggiata al tronco del solo albero. Sempre vuota.

y1p10k3cuxwPtiUqCCQeqDtJEFaxxD3nSxsfru1o-40r4bNSZV8Zq9Zoaqd5HFqMd296foZhqSGWao[1]Seguendo un sentiero in salita, si cominciava a scorgere – da lontano – una chiesetta bianchissima, proprio in cima alla collina. Scarpinata niente male.

y1ploUvB4czhRvq3dNlvmK3ZeIwtv7K_0Rfltj0fo6OddgoApOQt1eqqbBTy6I6SRITBWbII6yaWAo[1]

Ma una volta arrivati lassù…beh…avreste dovuto esserci. Vento fortissimo, totale solitudine, chiesetta linda ma sempre sempre sempre deserta. Ma le candele sottili erano sempre accese…

Ebbene, divenne il mio luogo magico. Una sorta di rifugio dove far decantare lo stress e “parlare” al vento (più di quello che già faccio abitualmente).

Ricordo che una volta persi il parasole di un obiettivo. Me ne accorsi la sera, a casa. Tornai lassù, senza in realtà cercarlo, e lo trovai, ripulito, posato proprio dentro la chiesetta, in bella vista. Non ho mai saputo chi fosse passato da quelle parti e sono certo di non averlo perso lì dentro…. Strano 🙂

Mamma mia, quanto mi manca Prinias.

prinias landscape

Annunci

Azioni

Information

3 responses

6 10 2009
Godot

Belloooo!!! Mi sembra un po’ un villaggio del periodo Edo! 😉

28 11 2009
Io'

Per lavoro sono a Priniàs tutte le estati. Il 25 luglio, sempre magicamente, diventa irriconoscibile: luci feste, suoni, chiasso. Ma stranamente non dà fastidio. Quella è la vita umana che ogni tanto si appropria degli spazii del Divino. Il rendere “domestica” la natura impervia. Per poi sparire nuovamente l’indomani e lasciare il posto al vento, e agli avvoltoi suoi figli.

29 11 2009
Antonio/Circolo dei Viaggiatori

Magnifico…. Quanto mi sarebbe piaciuto vederla quel giorno…

Racconta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: