PAH-TAK: l’ascella del Sudest asiatico

29 07 2009

Chi non ha mai sentito parlare della meravigliosa isola di Pah-Tak?

pah takRovistando nella Libreria del viaggiatore, qualche giorno fa, mi è capitata tra le mani una nuova guida di Pah-Tak edita da Rizzoli (che vi invito ad acquistare e non entro nei dettagli per lasciarvi il gusto della sorpresa ma, credetemi, ne vale davvero la pena).

Anche detta la “patria del colpo di sole”, questo paradiso tropicale  è stato purtroppo (lo saprete certamente) associato per troppo tempo ad atrocità, miseria e massacri (il tutto unito ad un livello molto scarso dei duty-free). Ma per fortuna, oggi è una nazione pacifica e ovunque i cittadini che per anni hanno fatto parte di spietate milizie clandestine vi accoglieranno a braccia aperte (anche solo con uno, nella maggior parte dei casi purtroppo).

Non vedo l’ora di andarci per raccontarvelo (e per far questo attingerò a piene mani da quella bellissima guida che, in ogni caso, dovreste tutti avere) anche perchè è sicuramente una terra di forti ed evidenti constrasti se è vero che la polizia stradale indossa delle mascherine ma i chirughi no. O ancora, è una terra dove gettare i rifiuti per strada è un reato penale ma si può ricorrere alla tortura per riscuotere l’affitto da un proprio inquilino.

E’ anche un’isola molto esclusiva, comunque, dove in certi lodges il lusso è tale che il personale viene licenziato ogni giorno solo per garantirne la freschezza! Roba da matti…e noi che ci vantiamo tanto in Europa….

La bandiera di Pah Tak

La bandiera di Pah Tak

Per quanto riguarda la cucina, invece, nonostante le tante voci che ne decantano la varietà e la bontà, sono un po’ intimidito dalla tanto pubblicizzata “esplosività” dei suoi piatti. La cucina patakkese è una miscela saporita di peperoncino, aglio e pepe a cui occasionalmente viene aggiunto del cibo. Il ricordo di quei pasti, dicono, vi accompagnerà a lungo anche quando avrete ormai eliminato i parassiti intestinali da un pezzo.

Ultime parole (e poi vi lascio, perchè sono certissimo che andrete su Google Earth a cercare Pah-Tak) sugli abitanti, vera attrattiva dell’isola.  Si autodefiniscono un mix di gentilezza e maoismo militane e sono cortesi ed estroversi e, soprattutto, amanti delle buone maniere. Non urla nessuno, non si altera nessuno.

Saluti rituali patakkesi

Saluti rituali patakkesi

Anzi, vi capiterà di assistere a qualche tamponamento stradale. Vedrete uscire gli automobilisti per scambiarsi dei doni. Un’usanza sicuramente da importare anche da noi (al momento qui fuori, a Roma, due si stanno picchiando senza apparente motivo).

 

Il Pah-tak, insomma, ha un piede ben piantato nel passato e l’altro che si muove deciso in avanti: una nazione che gira su se stessa!

Procuratevi la guida, godetevela tutta ed andateci presto!

Antonio

PS una NOTA SANITARIA per quanti intendono andarci questa estate e che possono quindi stare tranquilli: non si ha notizia di nuovi casi di SARS ne’ di influenza aviaria dallo scorso anno, quando il governo (di cui vi parlerò prossimamente) lanciò un massicco programma di profilassi allontanando tutti i giornalisti dal Paese

PPS il Pah-Tak  è detto “l’ascella del Sudest asiatico” per il caldo, l’umido e la lussureggiante vegetazione che lo ricopre quasi interamente.

(CONTINUA IN ALTRO POST)

🙂

PPS Un piccolo regalino per voi, restando in tema di colpo di sole e vacanze. Buon divertimento:

PPPS Ho scoperto che la Costituzione del Pah-Tak è stata scopiazzata da modelli stranieri mal tradotti. Il documento, infatti, tra le altre cose, garantisce il “diretto al lavoro” per tutti i cittadini, unico caso al mondo di pendolarismo ferroviario sancito da una carta costituzionale. E noi l’abbiamo tradotto male!

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: