San Nicola ha fatto la grazia/grazie a San Nicola

12 05 2009

[Consiglio musicale Ying: FIREWORKS di Moby]

[Consiglio musicale Yang: CALÈ BARI degli Ojos de Brujo]

La festa di San Nicola a Bari, a maggio, non è solo una festa religiosa. Tutt’altro…

Premetto  che:

1. si festeggia non il Patrono

2. San Nicola è forse il primo santo “rubato” della storia. Lui se ne stava buono buono in Turchia e noi baresi siamo andati a prenderlo di nascosto. Ma vabbe’…. E infatti! Quello che si festeggia è l’arrivo delle spoglie di San Nicola con la caravella. E la festa, bellissima, e’ tutta sul mare.

Ecco, è una festa popolare che dura due giorni, tutta rivolta da terra verso il mare. 

Bari è una bella città che, come dicono i sociologi,  volge le spalle al mare. Il piano urbanistico, infatti, ha da sempre quasi schermato il mare costruendo bellissimi palazzi ma senza una vera vita sul litorale.  Cosa che, peraltro, e’ molto cambiata negli ultimi anni.

Ad ogni modo, San Nicola riporta tutti sul lungomare e fa rivolgere gli sguardi verso lo skyline della cattedrale, della chiesa di San Nicola, Bari vecchia, che si specchiano sul mare piatto, di notte, e vengono illuminati da meravigliosi fuochi d’artificio. Due giorni di spettacoli pirotecnici (il secondo, si tratta di una gara che sceglierà chi “sparerà” per San Nicola l’anno successivo).

Su lungomare avviene di tutto. Famiglie che si portano sedie e tavoli da casa per passare la nottata ammirando fuochi e mare; innamorati che bevono birra al chiaro di luna; bbq improvvisati dove arrostiscono zampine (salsicce) e ‘gnumerdd (involtini di interiora. Squisiti, tranquilli), palloncini vari, spettacoli delle Frecce Tricolori…

E quest’anno, poi…si è aggiunto il miracolo. Durante i già rumorosi festeggiamenti, verso le 22:30, si alza un ulteriore boato. E improssivamente la città diventa bianca e rossa. La squadra del Bari (anzi, LA Bari, in un inspiegabile, ma in effetti comprensibile, femminile) festeggia con tre giornate di anticipo la promozione in serie A grazie alla sconfitta del Livorno.

E’ il tripudio. Non accadeva da anni. Tutto merito di San Nicola, ovviamente, noto tifoso di calcio (nonostante lo si rappresenti con tre piccole sfere in mano).

Da quel momento in poi i ricordi si fanno abbastanza confusi…tra odori di birra, clacson, trombe, fumogeni, urla “me’!!! fate passare ALLA Gazzetta del Mezzogiorno” alla semplice vista della macchina fotografica…

San Nicola ha fatto la grazia. Grazie San Nicola

🙂

Antonio

PS ecco una breve galleria fotografica di quella sera (fortuna avevo la macchina fotografica con me)

 

(CLICCA PER LA GALLERY)

(CLICCA PER LA GALLERY)

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: