Avedon, Villa Medici e la leggerezza della luce: altri tempi

1 02 2009

[Per questo post pomeridiano consiglio l’ascolto, dato il tema, di SI LA PHOTO EST BONNE di Barbara

Comincio consigliando vivamente la piccola mostra dedicata ad alcuni scatti del grande mito della fotografia di moda Richard Avedon, ritrovati in un baule della sua musa Theo Graham ed esposti in parte ai Musei Capitolini ed in parte (e qui il consiglio si fa sincero) a Villa Medici presso l’Accademia di Francia.romavillamedici-0641

La mostra in se’ non è niente di che anche se la….come posso dire….leggerezza….ecco, sì, questa è la parola giusta…..la leggerezza con la quale Avedon usa la luce per pennellare le sue modelle su pellicola ha qualcosa di sublime.  Pochi, pochissimi scatti e, soprattutto, provini a contatto, ritrovati un vecchio baule in una soffitta (o giu’ di li’) della sua musa, la splendida Theo Graham.

Mi hanno fatto pensare ancora una volta a quel che disse Cartier-Bresson a proposito della fotografia e che reputo una definizione splendidamente calzante:

“Fotografare è trattenere il respiro quando tutte le nostre facoltà di percezione convergono davanti alla realtà che fugge: in quell’istante, la cattura dell’immagine si rivela un grande piacere fisico e intellettuale”

E’ proprio così. Ed è una sensazione che, nel mio piccolissimo, provo ogni volta. Ogni attimo che precede il fatidico click è un momento di apnea, nel quale il respiro trattiene non solo l’aria per evitare il micromosso causato inevitabilmente dal dito che preme il pulsante di scatto…. Ma trattiene anche la luce, come a cercare di trattenere la sfuggente leggerezza.

Non so come spiegarlo meglio di così. E’ una sensazione unica ed inimitabile che, realmente, dona un piacere fisico. Esaltando, poi, quello “intellettuale” del constatare la riuscita della foto. 

Forse sono discorsi d’altri tempi. Ma non posso fare a meno di pensarci quando ammiro le opere di certi mostri sacri.

romavillamedici-0621Ma sto divagando come al solito. Il consiglio di visitare questa mostra deriva soprattutto dal luogo. Villa Medici è incredibile. Una villa nel cuore di Roma, con un parco che domina tutta la città. Un luogo magico nel quale artisti francesi vengono ospitati dal loro Paese in funzione di mecenate. Qui possono fare quello che vogliono, sostanzialmente dare libero sfogo alla loro creatività.

Il parco, dove spunta anche un obelisco egiziano (che a Roma non manca mai) è all’italiana ed è ricco di opere d’arte moderne insieme a statue antiche. Un sincretismo culturale che incontra sicuramente il mio gusto.

Altri tempi che incontrano e stringono la mano ai tempi moderni.

Anche per questo amo Roma.

Antonio

 

 

 

romavillamedici-0620

Annunci

Azioni

Information

6 responses

2 02 2009
la gatta

e invece è proprio quello che di roma non mi piace…
il dover andare in “enclave” francese per trovare queste cose, il non essere capaci nemmeno di guardare quello che gli altri fanno in casa nostra, cullandosi nel “c’avemo er colesseo, c’avemo er cuppolone”

roma forniva un inconsapevole sfondo.
nulla di più.

3 02 2009
Godot

Di fotografia si sa sono una profana… però la sensazione che tu provi fotografando credo sia quella che ognuno di noi possa provare nel momento in cui fa quello che meglio gli riesce. Comunque profana o non profana… Richard Avedon lo conoscevo!!! (che per me è una sorta di conquista) Non fosse altro che per il suo lavoro per il New Yorker… Villa dei Medici?! Ammetto di non esserc mai stata… sembra però un posto da vedere!

4 02 2009
Antonio Amendola

gatta: non sono tanto d’accordo. Anche la roma “italiana” offre questo. magari è solo un po’ più nascosto e quindi anche più bello da scoprire

godot: è assolutamente un posto imperdibile

4 02 2009
Guido OH Barcelona

Ciao Antonio, mI è piaciuta molto la frase di Cartier-Bresson a proposito del fotografare e anche il tuo commento..È decisamente quello che si prova, non avrei potuto spiegarlo meglio e cosi conciso..

4 02 2009
Antonio/Circolo dei Viaggiatori

grazie Guido!
Anche tu amante della fotografia?

13 02 2009
Guido OH Barcelona

Si assolutamente…
solo che ultimamente la mia macchina è impazzita e si pianta..battery problems credo..comunque sono abbastanza livello base..dopo anni di una Canon G2 (che comunque era una gran bella macchina, perlomeno per utenti come me..) credo sia giunto il tempo di passare a una reflex seria…è un altro mondo..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: