La mappa dell’esperienza ed il decalogo del viaggiatore lento

5 10 2008

[CON QUESTO POST SI ASCOLTA: The Traveller di Chris De Burgh]

Mappa dell'esperienza

Mappa dell'esperienza

 

Mappare è una delle attività più antiche dell’uomo. Per cuoriosità, per individuare nuove rotte commerciali, per compiacere danarosi committenti. E soprattutto per contestualizzare la propria esistenza e capire. Capire dove ci si trova e dove si può andare. Capire dove collocare i confini del mondo, per poterli poi superare.

Sono sempre stato appassionato di cartografia e, piano piano, ripescherò dei vecchi post in proposito, riproponendovi alcune carte geografiche molto particolari ed uniche. Come quella che pubblico oggi.

Si tratta del tentativo, forse riuscito, di mappare l’esperienza umana. Vi consiglio di indugiare nell’osservazione dei vari percorsi. Sono certo vi divertirete e, probabilmente, riconoscerete in alcuni di essi almeno una piccola porzione della vostra vissuta. E’ una mappa accurata e che induce molte riflessioni.

Ad esempio, legandola al tema di questo blog (i viaggi), qual’è l’esperienza acquisita dopo tanti anni di viaggi in luoghi lontani? Quale risposta dare a chi domanda come, in fondo, si debba viaggiare? La risposta ovvia, scontata, politicamente corretta non può che essere “ciascuno a modo suo“.

L’ovvietà della risposta non è banale.

Viviamo infatti in una società che tende ad indicarci i valori in cui credere e a fornirci un pattern di comportamento, nel quale includo anche il modo in cui viaggiare. Dalla fase della “villeggiatura” – intesa come svago borghese per cui il valore topico del dichiarare di averla svolta in luoghi tutti uguali era altissimo – si è passati all’ “avventura nel mondo“. Modello secondo il quale se non si viaggia in tenda in Buthan o non si è sentito un leone ruggire a pochi metri, allora non si ha il diritto di chiamarlo “viaggio”.

E’ una fase (in cui forse sono ancora intrappolato io stesso) nella quale la frenesia del vedo-più-che-posso-anche-se-mi-stresso modella comportamenti di sedicenti viaggiatori, uniformandoli.

Ecco, evitando discorsi troppo lunghi, forse l’esperienza di anni di viaggi mi porta a ripescare un decalogo del “viaggiatore lento” che avevo già proposto sul mio vecchio blog.

Ne illustrerò i principi, piano piano, lentamente (!), nei prossimi post.

Discutiamone e cerchiamo di capire in che direzione stanno andando le nostre abitudini di viaggio.

Antonio

Annunci

Azioni

Information

5 responses

5 10 2008
la donna con la valigia

Finalmente un’altra persona appassionata di cartografie originali… ce le scambieremo come le figurine? Intanto questo tuo bel post lo linko sul mio blog http://www.mappeurbane.it
aspetto gli altri post sulle nostre abitudini di viaggio. so già che saranno interessantissimi,
ciao, Marina
p.s. la musica per ogni post è un’idea fantastica! La scelta delle musiche eccellente

5 10 2008
Godot

Sembra molto interessante… sono d’accordo sulla risposta “banale” che hai dato ognuno deve viaggiare come si sente di farlo, a seconda di carattere, età, momento della vita. Il viaggio spesso soddisfa un bisogno interiore di ricerca, ricerca di qualcosa, di serenità, avventura o chissà cosa…
Sulla questione mappe… posso consigliarti di cercare su internet il sito della “Eurpoean Library”. E’ un archivio telematico di tutte le biblioteche nazionali Europee… e c’è una sezione dedicata a in quali biblioteche d’Europa puoi trovare le mappe storiche! Noioso, forse, ma comunque interessante!

6 10 2008
armonicasolar

Carina davvero l’idea della colonna sonora ai post.

Io sto cercando di costruire delle mappe del gusto… un lavoro lungo, lento e appassionante.

Concordo sul concetto di “viaggiatore lento”, una sorta di “slow food” della scoperta…

6 10 2008
Antonio/Circolo dei Viaggiatori

Magnifico! Mappe del gusto.
Fammi sapere quando finirai, sono molto curioso.
Mi piace l’idea.
Di che gusto parliamo comunque?

8 10 2008
Roberta Buzzacchino

bellissima mappa !
seguirò il tuo decalogo 🙂
ciao
roberta

p.s.
ti consiglio di leggere “cartografia morale” di giorgio mangani
sono sicura ti piacerà !!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: